Quarantuno coltellate per Cinzia e quell’assassino colpevole solo a metà

By Angela Marino
Cinzia Santuli viene trovata uccisa con 41 coltellate nell’intimità del suo appartamento ad Aversa, nel 1990. Nessun segno di effrazione, nessun nemico, nessun movente. Poi il fantasma che l’ha sorpresa in casa prende forma e volto e viene processato, ma con un esito sconcertante: innocente in sede penale, colpevole in sede civile. Praticamente libero. È lo strano caso dell’omicidio Santulli.
Continua a leggere

Source: Fanpage

Category: Profondo Giallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *