“Abbiamo mangiato cortecce di albero per sopravvivere”, la disperazione degli orfani Rohingya

Più di mille bambini Rohingya, nella loro fuga da persecuzioni e violenze, hanno perso i genitori. Stanchi, affamati e traumatizzati trovano rifugio nei campi profughi allestiti nel vicino Bangladesh. Minori non accompagnati – avverte Unicef – particolarmente a rischio di abusi sessuali, traffico di esseri umani e traumi psicologici. Non si ferma l’esodo della popolazione musulmana: dal 25 agosto sono oltre 370mila i Rohingya fuggiti dalla Birmania.
Continua a leggere

Category: Esteri, Asia

    

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*